Che sia sublimata la sapienza del sapore.

Che s’inauguri il vecchio pensando al nuovo.

L’arcaico, rivisto sotto novelle luci che illuminano vecchi e pensosi sguardi dinamici, rimasti uguali.

Che s’illumini una città di intenti divenuti realtà per mezzo dell’aristocrazia delle ricette di un popolo di illuminati.

Terranima – Sublime storia di piacere.